▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

ASUSTOR offre il supporto ai dischi per NAS da 24 TB

Ancora una volta il vendor è in prima linea nell’adozione delle tecnologie all’avanguardia non appena sono rese disponibil

Vendor

ASUSTOR, produttore di soluzioni per l’archiviazione dei dati, fondato nel 2011 con un investimento diretto di ASUSTek Computer, conferma il proprio dinamismo offrendo, tra i primi, la possibilità di montare sui propri device le unità disco per NAS da 24 TB.
Con queste unità ad alta capacità, i NAS Asustor rappresentano sempre più una scelta ideale per le PMI, le grandi aziende, i content creator e, più in generale, per chi ha il bisogno di archiviare ingenti quantità di dati e non intende scendere a compromessi sia sul fronte delle prestazioni, che dell’affidabilità.
Queste unità disco specifiche per NAS sono pensate e realizzate per consentire la gestione dei carichi di lavoro più gravosi in ambienti operativi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e sono perfette anche per sfruttare al meglio esclusive funzionalità di ASUSTOR come MyArchive, che consente di utilizzare i NAS con le stesse logiche delle soluzioni a dischi rimovibili.
Già pronti oggi per soddisfare anche le esigenze di domani, i NAS ASUSTOR sono poi dotati di tecnologia WORM, che rende possibile impedire la modifica parziale o completa di dati critici entro un periodo di conservazione prestabilito.

Da menzionare, inoltre, il costante impegno dell’azienda sul fronte della sicurezza per garantire i massimi livelli di protezione ai dati archiviati sui propri device e la stretta collaborazione con i principali produttori di memorie di massa, volta a garantire le migliori esperienze d’uso e i massimi livelli di affidabilità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter