googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Banche, più soldi alla PA, meno alle imprese.

I dati di Unimpresa evidenziano come negli ultimi 12 mesi sono cresciuti di quasi 9 miliardi i prestiti bancari alla pubblica amministrazione e, contemporaneamente, sono diminuiti di 16 miliardi per le imprese.

Tecnologie & Trend
Negli ultimi 12 mesi sono saliti di quasi 9 miliardi i prestiti bancari alla pubblica amministrazione e contemporaneamente sono diminuiti di 4 miliardi gli impieghi al settore privato, con una contrazione di 16 miliardi per le aziende: da settembre 2014 a settembre 2015, il totale dei crediti erogati alla PA italiana è passato da 1.905 miliardi a 1.914 miliardi in crescita dello 0,5%, mentre sono scesi da 1.416 miliardi a 1.412 miliardi quelli erogati a imprese e cittadini con una discesa dello 0,3%.
Inoltre, sul mercato del credito pesano le sofferenze, cresciute nell’ultimo anno di oltre 23 miliardi passando da 176 miliardi a 200 miliardi, in risalita del 13%.
Questi i dati principali del rapporto mensile sul credito realizzato dal Centro studi di Unimpresa, secondo cui nei prestiti ai privati si registrano alcuni segnali positivi per quanto riguarda le famiglie comparto in cui spicca la ripresa del credito al consumo, con un aumento delle erogazioni di 13 miliardi; per le aziende, invece, c’è un calo complessivo di oltre 16 miliardi pari a una diminuzione del 2%.
Per quanto riguarda le imprese, sono scesi i finanziamenti di quasi tutti i tipi di durata: i prestiti a breve termine (fino a 1 anno) sono diminuiti di 11,2 miliardi (-3,77%) da 299,4 miliardi a 288,1 miliardi; per i prestiti di lungo periodo (oltre 5 anni) si è registrata una contrazione di 22,3 miliardi (-5,68%) da 394,02 miliardi a 371,6 miliardi; in controtendenza i prestiti a medio termine (fino a 5 anni) saliti di 17,3 miliardi (+13,79%) da 126,05 miliardi a 143,4 miliardi. In totale lo stock di finanziamenti alle imprese è comunque calato di 16,2 miliardi (-1,98%) da 819,4 miliardi a 803,2 miliardi.
“Il problema delle sofferenze è stato sottovalutato in partenza, due o tre anni fa. Noi ne parliamo insistentemente e ora stanno arrivando allarmi anche dai regolatori e dalle autorità. Si parla di una bad bank, di uno strumento che vede il coinvolgimento del settore pubblico. Bene, lo auspichiamo. Ma si faccia presto, il rischio è che finiremo sommersi da questa montagna di debiti spazzatura”, chiosa il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come costruire un’azienda sicura? La guida definitiva nel cuore della ripartenza

Speciale

Cybersecurity 2020, la sicurezza dei dati si estende allo smart working

Speciale

Security digital tour, come costruire una "nuova" sicurezza a prova di "nuova" normalità

Speciale

World Backup Day 2020

Speciale

Un approccio sostenibile per il benessere del pianeta

Calendario Tutto

Ago 25
Bitdefender TECH Tuesday #4 Quick Summer Session: Integrated Solutions – Q2 2020 Features
Set 09
SSL-VPN - Strumenti di configurazione avanzati
Set 11
Zyxel Discovery: la panoramica su Soluzioni e Programma di Canale
Set 15
Certificazione DCSA di DataCore
Set 15
Webinar Kaspersky - La protezione Endpoint: scoprite l'efficacia e i vantaggi della nostra soluzione dal livello “ Select” al più esteso “Advanced”
Set 16
Certificazione DCSA di DataCore - parte 2
Set 16
La soluzione Fortinet alla gestione degli eventi e delle informazioni sulla sicurezza
Set 16
Come costruire un’azienda sicura? La guida definitiva nel cuore della ripartenza
Set 17
Webinar Kaspersky - Il valore aggiunto dei Managed Service Provider (MSP) in un mercato in continua evoluzion

Magazine Tutti i numeri

ChannelCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche