▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Broadcom presenta gli ultimi aggiornamenti di VMware Cloud Foundation

La piattaforma VCF ha lo scopo di modernizzare l'infrastruttura e accelerare l'innovazione, offrendo capacità di calcolo, rete, storage, gestione e sicurezza integrati e di classe enterprise in qualsiasi ambiente. VCF include Kubernetes nativo per supportare carichi di lavoro VM e containerizzati su un'unica piattaforma, consente carichi di lavoro AI/ML avanzati su scala enterprise e offre funzionalità di servizi dati integrati.

Vendor

Broadcom ha presentato gli ultimi aggiornamenti di VMware Cloud Foundation (VCF), la piattaforma cloud privata di punta dell'azienda. I più recenti progressi della VCF supportano l'innovazione digitale dei clienti con una più rapida modernizzazione dell'infrastruttura, una maggiore produttività degli sviluppatori e una migliore resilienza e sicurezza.

La piattaforma VCF è costruita appositamente per modernizzare l'infrastruttura e accelerare l'innovazione, offrendo capacità di calcolo, rete, storage, gestione e sicurezza integrati e di classe enterprise in qualsiasi ambiente. VCF include Kubernetes nativo per supportare carichi di lavoro VM e containerizzati su un'unica piattaforma, consente carichi di lavoro AI/ML avanzati su scala enterprise e offre funzionalità di servizi dati integrati. L'IT può ottimizzare continuamente le prestazioni e i costi, proteggere l'azienda dalle minacce e consentire di concentrarsi sui risultati anziché sulle operations grazie all'osservabilità e agli insight avanzati.

Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative

I clienti VCF beneficiano di funzionalità allineate a tutte le fasi del loro percorso nel cloud privato, dall'adozione del Day Zero fino alle operations continue del Day Two. I clienti VCF beneficiano della portabilità delle licenze, che consente loro di acquistare abbonamenti al nuovo software VCF e di avere una mobilità completa tra l'ambiente on-premise e gli endpoint supportati di loro scelta. Le novità includono:

  • Modernizzazione dell'infrastruttura: la nuova funzionalità VCF Import consentirà di integrare gli ambienti vSphere e vSAN esistenti in VMware Cloud Foundation, centralizzando la gestione e ottimizzando le risorse senza dover ricostruire completamente l'ambiente dei clienti. Questo trasformerà gli attuali ambienti dei clienti e consentirà una maggiore efficienza, costi inferiori e un time to value più rapido. VCF offre ora un supporto completo e integrato per i cluster allungati vSAN Max e vSAN ESA, fornendo ai clienti storage disaggregato su scala petabyte e disponibilità active-active. Il nuovo VCF Edge fornirà una configurazione ottimizzata di VMware Cloud Foundation per i casi d'uso edge, offrendo un'infrastruttura scalabile, efficiente dal punto di vista dei costi, flessibile e senza problemi di gestione e coerente dal data center all'edge.
  • Esperienza cloud per gli sviluppatori: la nuova versione della VCF semplificherà l'implementazione e la gestione delle applicazioni con modelli di avvio rapido, facile integrazione di rete e approfondimenti avanzati sulle prestazioni, accelerando il time to market e aumentando la produttività degli sviluppatori. VCF offrirà Tanzu Kubernetes Grid (TKG) come servizio indipendente, fornendo rilasci asincroni di TKG per allinearsi con Kubernetes a monte e fornire rapidamente le ultime versioni agli sviluppatori. Il networking VCF consente agli sviluppatori di concentrarsi sulla codifica e sui test piuttosto che sui complicati requisiti di rete, facilita una migliore collaborazione tra i team di sviluppo e supporta pipeline CI/CD più efficienti. I miglioramenti apportati al networking VCF consentiranno una rapida impostazione e configurazione per passare dalle tradizionali configurazioni di rete basate su VLAN al networking virtuale avanzato di NSX. VMware Avi Load Balancer con VCF offre un bilanciamento del carico self-service come servizio per i team DevOps e AppOps e consente all'IT di distribuire il bilanciamento del carico alla velocità delle applicazioni.
  • Sicurezza e resilienza: VCF e i componenti aggiuntivi associati, come VMware Live Recovery e VMware vDefend lateral security, consentono l'integrità del cloud privato, una maggiore disponibilità, prestazioni di rete ottimizzate, prevenzione di malware/ransomware e una solida protezione dei dati. Il nuovo ESXi Live Patching consente agli amministratori di applicare patch critiche agli host ESXi senza richiedere finestre di manutenzione e l'aggiornamento flessibile dei componenti VCF offre la possibilità di applicare le ultime patch disponibili al momento dell'aggiornamento a una nuova versione VCF. Insieme, questi progressi riducono i tempi di inattività, semplificano la gestione delle patch e migliorano l'affidabilità del sistema. Il supporto della doppia DPU con vSphere Distributed Services Engine contribuirà a garantire la continuità e la protezione contro i guasti della DPU, a fornire l'isolamento completo di due DPU indipendenti e a raddoppiare la capacità di offload per host. vSAN Data Protection consentirà agli amministratori di proteggere e recuperare più facilmente le macchine virtuali da cancellazioni accidentali e attacchi ransomware. La sicurezza laterale di VMware vDefend offrirà una maggiore scala di firewall distribuiti e gateway, l'integrazione di SIEM (Security Information and Event Management) per una migliore prevenzione del ransomware da est a ovest e il rilevamento e la risposta di rete (NDR) on-premise per il triage delle minacce. L'integrazione di VMware Avi con SDDC Manager semplificherà la gestione del ciclo di vita del software Avi, dalla distribuzione, al provisioning, fino alle operazioni in corso.

“VMware Cloud Foundation è la prima piattaforma di cloud privato del settore a offrire la potenza combinata di cloud pubblici e privati con una semplicità operativa senza pari e un comprovato valore del costo totale di proprietà ha dichiarato Paul Turner, vice president of products, VMware Cloud Foundation division di Broadcom. “Con la nostra ultima release, VCF sta rispondendo a requisiti chiave dettati dagli input ricevuti dai clienti. La nuova funzionalità VCF Import cambierà le carte in tavola accelerando l'adozione della VCF e migliorando il time to value. Stiamo inoltre offrendo una serie di nuove funzionalità che aiutano l'IT a soddisfare più rapidamente le esigenze degli sviluppatori senza aumentare il rischio di business. Quest'ultima release di VCF ci pone sulla strada giusta per mantenere la piena promessa della piattaforma ai nostri clienti”.

Ottimizzazione dell'infrastruttura IT con VMware vSphere Foundation

Negli ultimi dieci anni, la virtualizzazione ha aiutato centinaia di migliaia di clienti a semplificare l'ambiente IT. Oggi le esigenze sono diverse. L'IT moderno deve adattarsi a supportare le applicazioni abilitate all'AI/ML, i requisiti guidati dagli sviluppatori e le minacce moderne, e allo stesso tempo deve assumersi più responsabilità con meno personale. VMware vSphere Foundation è la nuova evoluzione della soluzione VMware vSphere, leader del settore, progettata per supportare i requisiti dell'IT moderno aumentando l'efficienza operativa, elevando la sicurezza e potenziando le prestazioni dei carichi di lavoro, il tutto per accelerare l'innovazione.

Il nuovo aggiornamento di vSphere Foundation offrirà innovazioni che includono:

  • ESXi Live Patching per aggiornamenti più rapidi senza tempi di inattività.
  • Accesso facilitato per gli sviluppatori all'infrastruttura self-service tramite il control plane di vSphere IaaS e una Local Consumption Interface per i servizi di infrastruttura come il servizio vm e il servizio di storage.
  • Tanzu Kubernetes Grid Service diventa un servizio indipendente, con aggiornamenti asincroni che consentono ai clienti di consumare più rapidamente le ultime versioni di Kubernetes.
  • Gestione più semplice di tutti i componenti di vSphere Foundation con una console semplificata che include inventario globale, diagnostica semplificata, gestione centralizzata dei certificati e licenze unificate.
  • Miglioramento dell'esperienza e della sicurezza dell'utente finale grazie al single sign-on su tutti i componenti del prodotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter