googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Avaya in cerca di acquirenti

I due principali azionisti della società, i fondi Silver Lake Partners e Tpg Capital, sarebbero orientati per la vendita, da quanto è trapelato da fonti interne. Il prezzo indicativo dovrebbe oscillare tra i 6 e i 10 miliardi di dollari, debito compreso.

Mercato
La Direzione Generale di Avaya, specialista di reti e telecomunicazioni d'impresa, ha incaricato i consulenti Goldman Sachs e Center View Partners Holding di supportarla nella ricerca della miglior via per ridurre il debito mentre i due principali azionisti della società, i fondi Silver Lake Partners e Tpg Capital, sarebbero orientati per la vendita totale dell'azienda, da quanto è trapelato da fonti interne. Il prezzo indicativo dovrebbe oscillare tra i 6 e i 10 miliardi di dollari, debito compreso.
santa-clara-avaya.jpg
Ma anche la cessione di alcune specifiche attività farebbe parte degli scenari possibili. Il business dei contact center, le reti locali wireless e gli switch potrebbero interessare a potenziali acquirenti.
Da qualche tempo, è in corso per Avaya un percorso di trasformazione verso la fornitura di software e servizi di unified comunication, che però richiede nuovi investimenti. Per altro verso, il debito complessivo ammonta a qualche miliardo di dollari ed è relativamente urgente la disponibilità di 600 milioni per rimborsare una quota in scadenza nel ottobre del 2017.
Nel secondo trimestre fiscale, l'azienda ha generato un volume d'affari pari a 904 milioni di dollari, contro i 995 milioni dell'anno precedente. Anche l’Ebitda è calato di 3 milioni di dollari nel periodo, raggiungendo i 205 milioni di dollari però il vero problema, tuttavia, è che esercizio dopo esercizio le perdite nette crescono a causa del pagamento degli interessi sul debito, che da soli ammontano ogni anno ha circa 400 milioni di dollari.
Già alla fine del 2013, erano circolate voci sulla possibile cessione a Oracle. Questa operazione era stata considerata come alternativa l'introduzione in Borsa, per la quale era stata depositata nel 2011 un'offerta iniziale, in seguito costantemente rimandata a causa delle incertezze che pesavano sul successo dell'operazione.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche