googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

HPE GreenLake, la trasformazione digitale in logica cloud style

I partner guardano con interesse allo spostamento della piattaforma HPE verso un approccio as-a-service e il distributore Tech Data si sta preparando ad accogliere un numero sempre maggiore di partner per la piattaforma ibrida, pay-per-use, HPE GreenLake, aiutandoli a promuovere la trasformazione digitale per i loro clienti

Vendor
In un mondo in cui l’innovazione rappresenta una costante dell’IT moderna, oggi HPE mette in campo l’offerta di servizi HPE GreenLake (inseriti nell'offerta HPE PointNext) per aiutare le aziende ad accelerare i processi di Trasformazione Digitale e realizzare ambienti cloud-style.
Alberta Piazza, responsabile dei servizi HPE PointNext, racconta la genesi di quest’offerta innovativa a ChannelCity: La storia di HPE GreenLake è ormai decennale: si tratta di un servizio nato per rispondere alle esigenze di un cliente del Nord Europa. L’idea all’epoca era molto innovativa e forse in anticipo sui tempi ma HPE, sempre attenta alla dinamiche di mercato e spesso precursore di innovazioni tecnologiche, ha intuito le potenzialità che un servizio di questo genere potesse avere nel mercato al punto tale da inserirlo nel proprio portfolio di vendita, ricavandone successi inizialmente nel mercato americano più  recettivo all’innovazione ...ancora una dimostrazione dell’inventiva e intraprendenza del vecchio continente. Ora la realtà è però ben diversa” – afferma.
greenlake2
“Nel mercato italiano, costituito in prevalenza da piccole e medie aziende spesso legate al concetto di proprietà del bene, l’as a service inizialmente ha faticato a radicarsi, ma la situazione economica attuale sta portando a un deciso cambiamento di rotta. Le aziende infatti si sono ritrovate molto rapidamente ad avere necessità di liquidità, a dover modificare la propria infrastruttura IT per sostenere un nuovo modo di lavorare e produrre a causa delle limitazioni dovute alla pandemia, a fare i conti con personale tecnico sufficientemente pronto a tenere il passo di un’innovazione sempre più repentina... Tutte necessità che hanno trovato una risposta nella proposta HPE GreenLake che nel corso del 2020 si è molto affermata anche in Italia, permettendoci di entrare in contatto e gestire molti nuovi clienti, non appartenenti solo al mondo Enterprise o dei Large Account”, dice
Alberta Piazza.img 6414
Alberta Piazza, responsabile dei servizi HPE PointNext
Gli elementi caratterizzanti
Un’offerta di servizi infrastrutturali hardware e software in grado di fare convivere due modelli operativi – on premise e cloud, con l’idea di proporre alle aziende elasticità, flessibilità e semplicità d’uso tipici del cloud pubblico, portando il cloud laddove preferisce: “HPE GreenLake permette alle aziende di avere presso i propri data center o presso dei locator un’infrastruttura in modalità  as a service, ovvero con una tipologia di pagamento a consumo. La filosofia applicata è ben espressa dal motto ‘Più si consuma, meno si paga’. In base alle esigenze infrastrutturali condivise con il cliente è inoltre fornito un buffer aggiuntivo di risorse che permette all’IT di rispondere alle esigenze del business senza procedere a lunghi iter di acquisto; tale buffer si pagherà solo in caso di utilizzo a un costo prefissato e mantenuto tale per tutta la durate del contratto”, spiega Alberta Piazza.
In sostanza, a differenza del Cloud Pubblico, il cliente mantiene la gestione delle risorse IT e, soprattutto, ha sempre il controllo del dato e della compliance dei sistemi con l’applicazione delle proprie politiche di sicurezza: “Tramite il portale fornito ad ogni cliente che ha sottoscritto un contratto GreenLake sarà sempre possibile controllare consumi, costi, effettuare un forecasting delle spese necessarie per i possibili acquisti futuri e un capacity planning, il tutto in tempo reale; a ciò si aggiunge la possibilità di avere sotto controllo anche i workload già nei principali Cloud Pubblici attraverso GreenLake Central, un’unica console di management”, chiarisce Alberta Piazza.  
hpegreenlake 1
Benefici tangibili
In uno scenario di trasformazione digitale sempre più spinta, scegliere HPE GreenLake porta molti beniefici a partire da quelli di carattere finanziario, in quanto il cliente non deve sobbarcarsi un elevato esborso di capitale iniziale per l’acquisto di nuova infrastruttura, che spesso può risultare anche  sovradimensionata: “L’idea alla base di GreenLake è fornire le risorse necessarie alle esigenze del cliente nel momento della stipula del contratto, risolvere le eventuali esigenze di picco con il buffer e portare il cliente ad acquisti successivi solo quando ne avrà effettiva necessità. Si può inoltre beneficare dello spostamento dei costi da Capex ad Opex, avere sempre a disposizione un’infrastruttura tecnologicamente avanzata e funzionante in quanto HPE è in grado di farsi carico, insieme ai suoi partner, di attività di delivery con proattive. Il cliente ha quindi la possibilità di convertire il proprio personale IT ad altre funzioni meno di routine e più orientate allo sviluppo del business”, sottolinea Alberta Piazza.
Per non parlare della velocità di approvvigionamento di risorse IT garantita dalla proposta HPE GreenLake: “Una volta fissato il prezzo alla firma del contratto e mantenuto tale per tutta la durate del servizio, i singoli addon non sono soggetti ai processi degli uffici acquisti, alle richieste di prezzi e sconti fra cliente, partner e vendor; in aggiunta, la nuova politica HPE è quella di ‘riservare’ le infrastrutture vendute attraverso GreenLake in modo che siano rese disponibili  sempre più velocemente”, chiarisce Alberta Piazza. “Da ultimo, un valore importante di HPE GreenLake è la possibilità di poter avere sempre il refresh tecnologico in quanto HPE è tenuta a fornire al cliente, quando si procede ad addon, a fornire sempre l’ultima tecnologia a disposizione". 

Tech Data, il ruolo strategico del distributore 
Al fianco di HPE nel proporre al mercato l’offerta GreenLake c’è un distributore come Tech Data
, che da subito ha colto la strategicità del valore dell’offerta e come richiede il suo ruolo di ‘trusted advisor’ nei confronti dell’ecosistema di canale è fortemente impegnato nell’evangelizzare i partner affinché abbraccino questa offerta dalla forte carica innovativa.giovanni longo pr 2019 01
Giovanni Longo, BU Manager HPE di Tech Data
“HPE sta passando rapidamente a un approccio as-a-service in tutte le sue soluzioni e tecnologie e GreenLake rappresenta un’offerta chiave che sta decisamente orientando l'azienda e i suoi partner in questa direzione. Prima i partner HPE iniziano a impegnarsi e a conoscere GreenLake e imparano come articolare e offrire i suoi vantaggi ai clienti, meglio è. Siamo pronti ad accoglierli e ad attrezzarli a questo scopo. Abbiamo investito per mettere a disposizione risorse educative e di competenze, il nostro team interno è pronto a sostenere i partner nell'elaborazione di campagne di marketing e nella promozione delle vendite iniziali. Abbiamo già rilevato molto interesse e attività intorno a GreenLake e ci aspettiamo che questa, in prospettiva, rappresenti una grande opportunità per i partner HPE. Per questo vogliamo incoraggiare sia i partner HPE esistenti sia quelli potenziali a impegnarsi con noi in merito a questa opportunità. Rileviamo inoltre un alto potenziale per un'interazione con le aziende 'born-in-the-cloud', che non hanno mai venduto tecnologia prima d'ora e che ora si trovano a dover rispondere alle necessità dei clienti di conservare alcuni dati on-premise. GreenLake non solo soddisfa i requisiti per mantenere il controllo dei dati, ma offre anche tutti i benefici del cloud, interviene Giovanni Longo, BU Manager HPE di Tech Data. 

Portale web dedicato, formazione e risorse di supporto
Tech Data prevede quindi di svolgere un ruolo di primo piano nel reclutamento e nel coinvolgimento di partner rivenditori per queste nuove tecnologie. Ha investito in modo significativo per sviluppare informazioni, formazione, onboarding e risorse di supporto per HPE GreenLake. Per esempio, Tech Data Trusted Advisor è un portale web dedicato  disponibile per GreenLake che fornisce ai partner l'accesso a ricche informazioni sull'intero portafoglio di soluzioni GreenLake, e sui servizi e il supporto che Tech Data può offrire al riguardo.
Una serie di partner già coinvolti nella metodologia Practice Builder di Tech Data  (un quadro di riferimento per la trasformazione dei partner che consente ai rivenditori di passare da dove si trovano oggi, in termini di competenze e capacità, a dove devono trovarsi per affrontare le opportunità di prossima generazione) - hanno individuato in GreenLake uno degli ambiti in cui desiderano sviluppare le loro competenze e Tech Data li sta aiutando in questo senso, fornendo formazione e supporto specifici per GreenLake ai team di vendita e tecnici.
HPE GreenLake risulta vincente in molte situazioni ed HPE con Tech Data sanno amplificarle (per ulteriori informazioni HPEItaly@techdata.com).
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche