googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Windows 10 normalizza il mercato Pc, smartphone e tablet

Windows 10, il prossimo sistema operativo per tutti i device - PC, tablet e smartphone - consentirà a Microsoft di estendere e consolidare il patrimonio applicativo su smartphone e tablet, ancora di gran lunga inferiore a quello che caratterizza gli ecosistemi dei due leader di mercato, Apple e Android.

Mercato
L’essenza dell’annuncio di Windows 10, il prossimo sistema operativo pensato da Microsoft per tutti i device, consiste nell’unificazione del sistema operativo per le tre diverse piattaforme tecnologiche, PC, tablet e smartphone. L’unificazione dei sistemi crea le premesse per una maggiore valorizzazione del brand Microsoft nel variegato panorama della tecnologia mobile: un’unica esperienza utente attraverso più dispositivi. Soprattutto, la possibilità di estendere e consolidare il patrimonio applicativo su smartphone e tablet, ancora di gran lunga inferiore a quello che caratterizza gli ecosistemi dei due leader di mercato, Apple e Android.
windows-10-xbox-pc-tablet.jpgNel segmento del personal computer Windows ha un market share prossimo al 90% e l’introduzione di un nuovo sistema operativo, potrà sì eventualmente rendere disponibile agli utenti PC una migliore e più avanzata piattaforma tecnologica, ma di fatto non determinerà un’acquisizione di nuovi utenti. Il problema è riuscire a cambiare i fondamentali di mercato ed essere un interlocutore valido anche nel mercato mobile. 
Nonostante gli sforzi intrapresi, acquisizione di Nokia e quant’altro, le vendite di smartphone e tablet con sistema operativo Windows sono, infatti, per entrambi i comparti, di poco superiori al 3%. Il resto è sostanzialmente appannaggio di Apple e Android (vedi grafico, fonte IDC/WSJ).  
p1-bs550a-windo-16u-20150121164226.jpg
Unificare i sistemi operativi significa fare leva sull’ecosistema degli sviluppatori e aprire un mercato trasversale sulle tre diverse piattaforme.Ormai da tempo l’introduzione di un nuovo sistema operativo da parte di Microsoft non è in grado di mettere il turbo al mercato, facendo lievitare le vendite in modo esponenziale. Basti ricordare che Windows 7 è, a oggi, il sistema più utilizzato, è presente nel 49% dei PC in circolazione, mentre le versioni più recenti – Windows 8 + Windows 8.1 - rappresentano una percentuale di circa il 10%. Ed esiste tuttora, per quanto in dismissione, il blocco dell’utenza XP valutata in un 28% dell’installato. 
Il fatto che Windows 10, per il primo anno, venga proposto come upgrade gratuita - a tutti i possessori di prodotti che montano Windows 8.1, Windows 7 e Windows Phone 8.1 -  è esemplificativo della diversa logica con cui si sta ormai muovendo Microsoft: una logica di servizio, che mira soprattutto ad accelerare la migrazione verso la piattaforma di sistema più avanzata mettendo a fattor comune un patrimonio applicativo a un audience tecnologico più esteso, coerente con la molteplicità di dispositivi - PC, smartphone e tablet – di cui oggi si può disporre.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche