googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

HPE pronta a cedere la componente software

L'indiscrezione arriva da Reuters. Hewlett Packard Enterprise spera di poter ricavare dall'operazione fra gli 8 e i 10 miliardi di dollari.

Mercato
Hewlett-Packard Enterprise avrebbe avviato trattative con il fondo di investimenti Thoma Bravo allo scopo di valutare la possibilità di scegliere la propria divisione software.
L'indiscrezione è stata resa pubblica dall'agenzia di stampa Reuters. La società di soluzioni informatiche nata dopo la scissione di HP spera di poter ricavare dall'operazione fra gli 8 e i 10 miliardi di dollari.
Lo scopo dell'operazione sarebbe quella di focalizzare maggiormente l'attenzione sui fronti dello storage, delle reti, dei data center e dei servizi. La divisione software, rafforzata molto dopo le acquisizioni di Mercury nel 2006 e di Autonomy nel 2011, ha registrato un volume d'affari pari a 3,6 miliardi di dollari nell'ultimo esercizio fiscale.
Sempre secondo Reuters, anche la banca di investimenti Goldman Sachs avrebbe avanzato un'offerta, più bassa rispetto a quella di Thoma Bravo, che attualmente sarebbe all'incirca di 7,5 miliardi di dollari.
Per il momento nulla è stato ancora firmato e le due parti non sarebbero d'accordo sulla valutazione di certe attività. Hpe si è riservata la possibilità di valutare altri possibili acquirenti.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche