googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Smartphone, il Covid-19 frantuma le vendite in Italia. In Europa crolla Huawei e decolla Xiaomi

Il mercato italiano degli smartphone nel primo trimestre 2020 ha registrato vendite in calo del 21% su base annua (dati Counterpoint). Si tratta del risultato peggiore registrato in Europa. Samsung mantiene la leadership in Italia e in Europa mentre se da una parte Huawei registra nel Vecchio Continente vendite al ribasso, Xiaomi fa un balzo importante in avanti.

Mercato
L'epidemia Covid-19, con conseguente lockdown, ha colpito duramente il mercato italiano degli smartphone che nel primo trimestre 2020 ha registrato vendite in calo del 21% su base annua (dati Counterpoint). Si tratta del risultato peggiore registrato in Europa. Tra le aziende top Samsung resta prima con il 39% del mercato italiano mentre Huawei e Apple, appaiate si fermano al 20%.
Sempre stando ai ricercatori di Counterpoint, da gennaio a marzo di questo anno solare le vendite di smartphone in Europa sono diminuite del 7% su base annua e sebbene a livello europeo Samsung mantiene la leadership, la sua quota scende dal 31 al 29% mentre Apple tiene, e cresce di un punto percentuale e scavalca Huawei piazzandosi al secondo posto con il 22% (Huawei risulta invece in discesa dal 23 al 16% e scivola in terza posizione).
Le vendite di Huawei..."sono diminuite del 43% su base annua a causa delle sanzioni Usa che continuano a colpire" osserva l'analista Abhilash Kumar e a guadagnare del calo europeo di Huawei è principalmente Xiaomi, che registra una crescita del 145% nel trimestre di riferimento, seguita da Oppo: la cinese Xiaomi è infatti passata dal 4 al'11% di quota di mercato mentre cresce anche Oppo dall'1 al 3 percento.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche