googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Torino, da Windows a Ubuntu

Le 8.300 postazioni gestite dall’It del capoluogo piemontese saranno migrate da Windows Xp a Ubuntu, con l’intento di risparmiare circa 300 euro per postazione in cinque anni, per un valore totale che arriverebbe così a sei milioni di euro.

Tecnologie & Trend
Mentre ci sono comuni come Monaco, che si apprestano a tornare a Windows dopo un’esperienza con Linux (e anche a Napoli ci stanno pensando), a Torino, in linea con i dettami suggeriti da Consip, il rinnovamento dei parco Pc sarà fatto in direzione open source.
Le 8.300 postazioni gestite dall’It del capoluogo piemontese saranno migrate da Windows Xp a Ubuntu, con l’intento di risparmiare circa 300 euro per postazione in cinque anni, per un valore totale che arriverebbe così a sei milioni di euro.
Ritenuto ormai obsoleto il parco installato, l’evoluzione verso Windows 8 è stata ritenuta troppo onerosa, mentre le distribuzioni Linux si adattano meglio a macchine mature. L’approvazione del progetto è avvenuta in agosto (dopo due anni di riflessioni e dubbi) e richiederà 18 mesi per il completamento.
Torino non è la prima città italiana a migrare verso Linux, ma è oggi una delle più grandi ad aver deciso di seguire questa strada. Inoltre, altre istituzioni cittadine, come il locale Politecnico o il centro universitario Nexa per Internet e la Società hanno rappresentato esempi di successo già compiuti.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche