Context, si chiude il gap tra piccoli e medi rivenditori e corporate reseller nella sicurezza

Nel secondo triemestre dell'anno, i rivenditori di piccole e medie dimensioni hanno raggiunto la quota del 48% mentre i corporate reseller del 52%. Nel complesso, il software di siurezza ha registrato una crescita forte e continua nel secondo trimestre con un inizio di terzo trimestre impressionante

Mercato
Sono quattro i punti percentuali che separano i rivenditori di piccole dimensioni dai corporate reseller nel mercato security. A dirlo è l’analista di mercato CONTEXT in relazione alle vendite del secondo trimestre del 2021 attraverso la distribuzione in Europa.
I rivenditori di piccole e medie dimensioni hanno raggiunto la quota del 48% mentre i corporate reseller del 52%. Nel confronto con il terzo e il quarto trimestre del 2020 il differenziale è stato di quattordici punti percentuali: 43% per i primi reseller e una quota più sana del 57% per i reseller più grandi. Quasi tutte (oltre il 95%) le vendite di software di sicurezza passano attraverso i rivenditori, di entrambe le dimensioni.
"Durante la pandemia i progetti sono stati sospesi nelle aziende più grandi, mentre le aziende più piccole potrebbero non aver investito come avrebbero dovuto e ora stanno recuperando", ha affermato Adam Simon, AD di CONTEXT Global. "Questo potrebbe spiegare in parte perché stiamo assistendo a questo cambiamento nelle dinamiche del canale. Niente di sorprendente, ma rappresenta comunque un cambiamento significativo".
Un cambiamento che si riflette in tutti i principali ambiti di software di sicurezza, ma in particolare nel control management e nella sicurezza di rete, in cui la quota di mercato dei corporate reseller è scesa dal 56% nel secondo trimestre del 2020 al 47% nel secondo trimestre del 2021.
Meno pesanti le riduzioni della quota di mercato per i i corporate reseller nei segmenti relativi all’autenticazione (dal 66% al 60% su base annua), e alla sicurezza Internet (dal 70% al 69%), alle suite di sicurezza (dal 52% al 50%).
Nel secondo trimestre i ricavi anno su anno sono diminuiti in modo significativo nella sicurezza Internet (-10%) e nell’autenticazione (-30%) mentre sono aumentati per i rivenditori piccoli e medi del 56% nel control management e del 48% nella sicurezza di rete.
Le mutevoli dinamiche delle vendite dei rivenditori sono legate all’andamento del mercato del software di sicurezza. Nella 26esima settimana il mercato della sicurezza ha raggiunto il picco di oltre 160 nell'indice di tendenza dei fatturati settimanali di CONTEXT, a significare che le entrate sono state del 60% superiori alla media del 2019. Alla 28esima settimana tale indice è di 155, in confronto al valore di 125 circa dei monitor e del software di data management.
Nel complesso, il software e le licenze hanno registrato una crescita forte e continua nel secondo trimestre con un inizio di terzo trimestre impressionante, sebbene, poiché solitamente si registra un'impennata alla fine del trimestre, la performance dovrebbe diminuire nelle prossime settimane.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche