googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Pensioni, prestito aziende favorisce i Big e penalizza le Pmi

Questa è l'analisi di Unimpresa. Il presidente, Paolo Longobardi, sottolinea: "A frenare questo tipo di soluzione è la quantità di liquidità a disposizione delle imprese".

Mercato
“Favorire la flessibilità in uscita, anticipando, rispetto alle norme in vigore, l’accesso alla pensione grazie a un prestito delle aziende ai lavoratori, sarebbe una strada facilmente percorribile per i grandi gruppi industriali e finanziari, ma non a portata di mano per le micro, piccole e medie imprese”. 
E’ quanto osserva il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi, in relazione all’ipotesi che venga introdotta una misura volta a consentire alle aziende di prestare ai dipendenti il denaro necessario a colmare periodi contributivi in modo da favorire i prepensionamenti.
“A frenare questo tipo di soluzione – aggiunge Longobadi – è la quantità di liquidità a disposizione delle imprese: per quelle di dimensioni maggiori non ci sarebbe alcuna difficoltà a reperire le risorse necessarie a finanziare manovre interne volte a prepensionare una fetta dei lavoratori, peraltro con una consequenziale ricaduta positiva sul costo del lavoro complessivo; al contrario, le imprese più piccole potrebbero avere problemi, magari nell’accesso al credito, e trovare vari ostacoli, a mettere insieme i fondi”.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche