googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Avaya, parte l'amministrazione controllata

Chiesta la tutela Chapter 11 con lo scopo di guadagnare tempo per avviare un processo di ristrutturazione.

Mercato
Avaya, vendor specialista di networking e unified communications, è ufficialmente sotto la tutela del Chapter 11 americano, con in quale si entra di fatto in regime di amministrazione controllata. Lo scopo è quello di guadagnare tempo per avviare un processo di ristrutturazione, che comunque non pregiudicherà l’operatività e soprattutto, a quanto è stato comunicato, non avrà effetti immediati sulle filiali internazionali.
avaya.jpg
Avaya intraprende così una nuova fase della propria storia, iniziata negli anni Novanta con lo scorporo da Lucent Technologies e approdata in anni recente al passaggio ai fondi d’investimento e a un’ipotesi di cessione per il momento non concretizzatasi. In predicato di vendita c’era la cessione del business dei contact center, ora non più di attualità, mentre non è escluso che possa essere venduta qualche altro asset.
In compenso, la società ha ottenuto un finanziamento di 725 milioni di dollari, sottoscritto da Citibank, che, integrato con la liquidità esistente, dovrebbe garantire le attività di business per il periodo di protezione del Chapter 11. Primo obiettivo del nuovo regime di gestione sarà la riduzione del debito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche