googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Context, buone le performance dei notebook

Il nuovo indice dei prezzi Covid messo a punto dall'analista di mercato mostra un rafforzamento dei prezzi dei notebook in tutta l'Europa occidentale. Amdamento debole per i desktop

Mercato
Nel corso delle ultime settimane i prezzi di vendita dei notebook attraverso la distribuzione sono cresciuti nei paesi dell'Europa occidentale: è ciò che emerge da un nuovo indice dei prezzi ideato da Context.
In genere i calcoli relativi al prezzo medio di vendita (ASP) si effettuano dividendo i ricavi totali relativi a una categoria per il numero di unità vendute. Tuttavia, questo calcolo manca di granularità, in quanto non consente agli analisti di discernere se i cambiamenti siano dovuti alle fluttuazioni del prezzo dei prodotti o al mix di prodotti acquistati. Il nuovo indice relativo ai prezzi dei prodotti settimanali messo a punto da Context  prende in considerazione il prezzo medio di ciascun prodotto e lo traccia, e poi lo indicizza, per fornire una misura reale delle variazioni effettive dei prezzi.

Un nuovo indice per calcolare i prezzi di vendita
L'indice è impostato su 100 prendendo come punto di partenza la settimana 0 della pandemia in ciascun paese ed evidenzia che la maggior parte dei paesi dell'Europa occidentale mostra un indice superiore a 100 in dieci settimane su dodici durante la pandemia: Spagna (102), Regno Unito (102,3), Germania (102,7), Francia (103,3), Italia (104,1), Austria ( 105,4) e Norvegia (108,5). Solo due paesi - Finlandia (99,7) e Belgio (99) - sono scesi appena al di sotto del loro indice iniziale per la settimana 0. Il rafforzamento dei prezzi in tutta la Region è un riflesso di un insieme di fattori, tra cui la domanda elevata e la catena di approvvigionamento addizionale e altri costi che il canale IT ha dovuto sostenere nelle settimane successive ai lock down legati al Covid.  
notebook2 webpBuone le vendite dei notebook, meno quelle dei desktop
Nelle ultime settimane le vendite di notebook hanno registrato ottimi risultati, contribuendo a incrementare i ricavi del mobile computing nelle quattro settimane terminate il 17 maggio (20esima settimana) del 77% di crescita su base annua, per un valore di 174 milioni di euro. Nonostante un minor numero di giorni disponibili nella prima metà di maggio, i notebook aziendali hanno registrato una forte crescita su base annua del 76% (484.000 unità) e del 49% quelli consumer (329.000 unità). Sono così proseguiti i trend positivi osservati in aprile: "Gran parte di questa elevata crescita è stata guidata dai distributori che sono  riusciti a gestire al meglio il portafoglio ordini quando le misure di lock down hanno creato un necessità urgente di dispositivi mobili. L'offerta di notebook, estremamente bassa a marzo e all'inizio di aprile, è molto migliorata consentendo al canale di poter soddisfare questi ordini ", ha spiegato Marie-Christine Pygott, Senior Personal Systems Analyst.
"Inoltre, si assiste a una nuova domanda che arriva dal settore dell'istruzione e da altri segmenti verticali alle prese con un ripensamento genetale del modo di organizzare l’home working e il lavoro flessibile. Tuttavia, questa domanda non ha raggiunto lo stesso livello di picco di marzo, quindi è prevedibile che i tassi di crescita complessivi dei notebook diminuiranno nelle prossime settimane ".
Al contrario, le performance dei desktop sono rimaste deboli su base annua a causa del passaggio strutturale ai dispositivi mobili; significa che i grandi progetti sono stati posticipati o annullati e la forte crescita guidata da Windows 10 l'anno scorso non si riverificherà.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche