googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Didattica a distanza: gli hacker prendono di mira Zoom, Moodle e Google Meet

Secondo quanto rivelato da Kaspersky, nel mese di gennaio gli attacchi contro le piattaforme online dedicate alla scuola sono aumentate del 60% rispetto alla prima metà del 2020. Sono oltre 270mila gli studenti in DAD che da luglio a dicembre 2020 sono stati colpiti da differenti cyberminacce.

Mercato
La didattica a distanza o più comunemente chiamata DAD, la non sempre efficace protezione dei sistemi di chi segue le lezioni a distanza si dimostra terreno fertile per i cybercriminali. Lo conferma anche Kaspersky che segnala che nel mese di gennaio gli attacchi contro i servizi online dedicati alla scuola sono aumentati del 60% rispetto alla prima metà del 2020, con oltre 270mila utenti che da luglio a dicembre 2020 sono stati colpiti da minacce che hanno usato come esca le piattaforme di apprendimento.
La più colpita - ma anche la più diffusa è Zoom - con più di 300 milioni di utenti al giorno. La seconda piattaforma più sfruttata dai cybercriminali è stata Moodle, seguita da Google Meet mentre Kaspersky evidenzia come Google Classroom in questo momento non sarebbe presa di mira così prepotentemente. Sempre Kaspersky sottolinea come  circa il 98% delle minacce incontrate erano "not-a-virus", e si dividono in adware e riskware.
Adware "bombarda" gli utenti con annunci pubblicitari indesiderati, mentre "riskware" è costituito da vari file - dalle barre degli strumenti del browser agli strumenti di amministrazione remota - che possono eseguire varie azioni sul computer dell'utente senza il suo consenso. Inoltre, le minacce che sfruttano popolari app per video riunioni e piattaforme di corsi online raggiungono l'utente attraverso falsi installatori di applicazioni, con cui entrano in contatto su siti web non ufficiali progettati per sembrare le piattaforme originali o all'interno di e-mail di phishing camuffate da offerte speciali o da notifiche della piattaforma.
   
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche