▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Snom, i telefoni IP come investimento nel futuro con attenzione al prezzo

Nonostante l’inflazione e il forte aumento dei costi per cittadini e imprese in tutta Europa, Snom porta avanti una politica dei prezzi invariata, combinata a un’innovazione costante e al continuo sostegno dei partner. Con successo.

Prodotti

Che il costo della vita sia salito alle stelle a causa dell’aumento dei prezzi per energia, carburante e beni di consumo non è una novità. Solo pochi però considerano l’effetto domino dell’inflazione su tutti i settori dell’economia, soprattutto in ambito B2B. Il fatto è che anche i costi per lo sviluppo, la produzione, la logistica e la normale prosecuzione delle attività aziendali aumentano senza sosta – e questo a posteriori di una situazione emergenziale che ha già fortemente impattato le imprese. Le aziende che a dispetto dell’attuale incertezza non scaricano i costi aggiuntivi sui clienti, lo fanno per continuare a offrire stabilità, e quindi sicurezza, alla propria clientela. Tra queste figura lo specialista delle telecomunicazioni Snom.

Negli ultimi anni, il produttore non ha praticamente alzato i prezzi – l’ultimo aumento (irrisorio in confronto alla concorrenza) risale al novembre 2021. Snom tiene anche fede al suo programma partner, grazie a cui i rivenditori argento e oro registrati possono beneficiare di bonus in denaro per i dispositivi Snom venduti e ricevere assistenza diretta dai team locali per questioni tecniche o commerciali.

Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative

Il vendor continua inoltre a investire tempo e denaro nell’ottimizzazione dei prodotti. Ad esempio, negli ultimi 14 mesi la clientela Snom ha beneficiato di numerosi perfezionamenti. Tra questi, il continuo ampliamento delle funzioni delle soluzioni UC di partner tecnologici esistenti e nuovi supportate da Snom a fronte del proprio programma di interoperabilità. Sono stati apportati miglioramenti alla qualità audio e alla cancellazione dei rumori di fondo, oltre che introdotte un’interfaccia utente ancora più intuitiva, una gestione più comoda, una maggiore velocità dei servizi LDAP e l’espansione delle rubriche locali da 1.000 a 5.000 voci per le serie Snom D3xx e D7xx. Quest’ultima è una caratteristica particolarmente rilevante per organizzazioni come banche e compagnie assicurative che si avvalgono di centralini telefonici che scaricano le rubriche aziendali condivise sui singoli dispositivi.

Inoltre, sono stati migliorati il failover in caso di guasto e lo "Snom Secure Redirection and Provisioning Service" (SRAPS) per la configurazione e il provisioning remoto di tutti i telefoni Snom. Il fiore all’occhiello: i clienti fruiscono di questi aggiornamenti per anni, senza costi aggiuntivi e senza dover acquistare nuovo hardware.

“I rivenditori specializzati riconoscono in Snom un partner affidabile, che offre il rapporto prezzo/prestazioni più elevato rispetto alla concorrenza – un dato che viene riconfermato dai nostri sondaggi sulla soddisfazione del cliente” commenta Mark Wiegleb, Head of Customer Success di Snom. Il produttore gode di questa fama anche grazie alla robustezza e alla qualità dei suoi prodotti sviluppati in Germania, che - finché il livello di funzionalità soddisfa le esigenze degli utenti – rappresentano un investimento nel futuro: molti telefoni Snom della prima generazione sono impiegati ancora oggi con successo in tutto il mondo. Inoltre, l’azienda offre una garanzia di tre anni e regolari update gratuiti per l'intero ciclo di vita dei suoi prodotti, che ne incrementano, negli anni, funzionalità e qualità"."Non c'è dubbio: dal punto di vista di un produttore, anche in termini di sicurezza, non è proprio una buona notizia sapere che telefoni di 20 anni fa sono ancora in uso. Ma ciò conferma che il nostro hardware è davvero indistruttibile, e di questo siamo orgogliosi!” conclude Mark Wiegleb.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter