googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Credito Pmi, ancora disponibili 4,6 miliardi da Progetti investimenti Italia

Restano ancora da utilizzare 4,6 miliardi a cui le imprese possono avere accesso entro il 31 marzo 2015.

Mercato
Spuntano i primi germogli di ripresa e l’iniziativa “Progetti investimenti Italia” si conferma strumento positivo per la domanda di credito delle Pmi: al 31 dicembre 2014 sono state accolte 17.998 domande di finanziamento per un controvalore erogato di 5,4 miliardi di euro su un plafond complessivo di 10 miliardi, destinato alle Pmi in bonis che intendano effettuare investimenti in beni materiali e immateriali strumentali all’attività di impresa. Restano ancora da utilizzare 4,6 miliardi a cui le imprese possono avere accesso entro il 31 marzo 2015. 
Lo rende noto l’ABI, a seguito della rilevazione aggiornata delle operazioni effettuate.
L’iniziativa – finalizzata a favorire la crescita degli investimenti delle imprese e dotata di un plafond complessivo di 10 miliardi, prorogato al 31 marzo 2015 in base al nuovo “Accordo per il credito 2013” tra ABI e le altre associazioni di imprese - è diventata pienamente operativa da gennaio 2013 nell’ambito dell’accordo “Nuove misure per il credito alle Pmi” stipulato nel 2012 tra ABI e tutte le associazioni rappresentative del mondo imprenditoriale, alla presenza del ministro dell’Economia e delle Finanze e del ministro dello Sviluppo economico.
Analizzando nel dettaglio le richieste di finanziamento presentate e accolte, si rileva che il 77,3% delle domande riguarda investimenti in beni materiali. Considerando le sole richieste accolte, quelle ‘coperte’ dal Fondo di garanzia per le Pmi, dall’Ismea o dalla Sace, nonché dai Confidi, rappresentano il 18,6%. Nell’ambito dei finanziamenti erogati quelli di durata superiore a tre anni sono pari al 73,1% per cento. 
Disaggregando inoltre i dati per tipologia d’impresa emerge che:
  • il 42% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘industria’;
  • il 29% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘commercio e alberghiero’;
  • il 6,7% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘artigianato’;
  • il 4,7% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘edilizia e opere pubbliche’;
  • il 3,8% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘agricoltura’;
  • il restante 13,8% ad aziende del comparto ‘altri servizi’.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come costruire un’azienda sicura? La guida definitiva nel cuore della ripartenza

Speciale

Cybersecurity 2020, la sicurezza dei dati si estende allo smart working

Speciale

Security digital tour, come costruire una "nuova" sicurezza a prova di "nuova" normalità

Speciale

World Backup Day 2020

Speciale

Un approccio sostenibile per il benessere del pianeta

Calendario Tutto

Ago 25
Bitdefender TECH Tuesday #4 Quick Summer Session: Integrated Solutions – Q2 2020 Features
Set 09
SSL-VPN - Strumenti di configurazione avanzati
Set 11
Zyxel Discovery: la panoramica su Soluzioni e Programma di Canale
Set 15
Certificazione DCSA di DataCore
Set 15
Webinar Kaspersky - La protezione Endpoint: scoprite l'efficacia e i vantaggi della nostra soluzione dal livello “ Select” al più esteso “Advanced”
Set 16
Certificazione DCSA di DataCore - parte 2
Set 16
La soluzione Fortinet alla gestione degli eventi e delle informazioni sulla sicurezza
Set 16
Come costruire un’azienda sicura? La guida definitiva nel cuore della ripartenza
Set 17
Webinar Kaspersky - Il valore aggiunto dei Managed Service Provider (MSP) in un mercato in continua evoluzion

Magazine Tutti i numeri

ChannelCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche