googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Kofax fa gola a Lexmark

Lexmark punta sempre più al software e mette sul piatto 1 miliardo di dollari per comprarsi l'americana Kofax.

Mercato
Poco a poco, i produttori di stampanti stanno cambiando strategia, per allinearsi a un mercato nel quale le aziende, oltre a disporre di budget più ridotti, hanno imparato a produrre meno carta.
Il caso di Lexmark è piuttosto esemplificativo e fa capire come il futuro punti in direzione del software. Così, dopo l’acquisizione di Perceptive del 2010, è ora la volta di Kofax,(azienda nata nel 1985 con headquartered a Irvine, in California) per la quale il vendor è disposto a spendere 1 miliardo di dollari. Per ora, è stata fatta agli azionisti una proposta d’acquisto a 11 dollari per azione, ma ancora manca la loro approvazione e quella delle autorità competenti.
Come altri competitor sul mercato delle stampanti, anche Lexmark è alle prese con la contrazione del business tradizionale e punta sulla diversificazione. Per l’ultimo esercizio fiscale, la società ha stimato un calo fra il 3 e il 5% del volume d’affari, mentre va notato che le attività di Perceptive Software pesano l’8% del totale e il dato è in ascesa.
L’unione delle competenze di Kofax e Perceptive dovrebbe consentire a Lexmark di raggiungere nel 2016 un giro d’affari di 500 milioni di dollari, da ottenere con un’offerta articolata intorno all’Enterprise content management (Ecm) già presente e alle soluzioni verticali in via d’acquisizione (automazione dei processi di business, integrazione dei dati, firma digitale, analisi decisionale e altro). 
Ricordiamo che Kofax è presente in Italia e opera con partner storici come la piemontese Cws.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche